Il consumismo e la fine della comunità

Il consumismo, come fenomeno di massa, entrò prepotentemente nelle case di noi occidentali solamente dopo le guerre, a inizio Novecento. Esso portò un cambiamento così radicale all’interno della società, che ben presto divenne una parte integrante di noi stessi, tanto da non riconoscerne più gli effetti negativi.

Pier Paolo Pasolini fu uno degli intellettuali italiani che vide e cercò di contestare tutto ciò, fino ad affermare come fosse peggio del fascismo: “Perché il vecchio fascismo, sia pure attraverso la degenerazione retorica, distingueva: mentre il nuovo fascismo – che è tutt’altra cosa – non distingue più: non è umanisticamente retorico, è americanamente pragmatico. Il suo fine è la riorganizzazione e l’omologazione brutalmente totalitaria del mondo”1.

Infatti, il boom economico italiano stava entrando in ogni casa che potesse permetterselo. Questo apparente benessere sembrava potesse bastare per tutti, ma non fu così. Anzi fu talmente disequilibrato, che a distanza di anni portò a una disuguaglianza sociale enorme, destinata pure a peggiorare col tempo. Infatti, l’1% della popolazione mondiale detiene più ricchezza netta del restante 99%2. Questa ricchezza starebbe passando a sempre meno individui, aumentando tuttora questo divario.

A detta di Pasolini, il capitalismo ha vinto, poiché le persone che avrebbero dovuto contrastarlo stettero a guardare o non si accorsero di tale iniquità, perché la società consumistica crea vane speranze di ricchezza, o come scrisse Marx: ”L’aumento del salario eccita nell’operaio il desiderio di arricchirsi, che è proprio del capitalista, ma che egli può soddisfare soltanto col sacrificio del proprio spirito e del proprio corpo”3. Quindi, la forza che doveva contrastare il capitalismo è stata neutralizzata da questa illusione di futuri guadagni. Ci hanno ingannato facendoci credere di poter diventare tutti ricchi, e noi abbiamo barattato la felicità dell’intera comunità, per delle vogliuzze individualistiche, che hanno depotenziato di fatto il carattere rivoluzionario che avevano le manifestazioni collettive. Perciò non c’è da stupirsi se questa ideologia consumistica sia entrata talmente dentro di noi da non riuscire a comprenderla e così sradicarla.

Pasolini criticò l’esperienza del ’68, la quale sembrava volesse sovvertire quel sistema. Per il poeta, infatti, quello che avrebbero dovuto fare, ovvero lottare contro il neocapitalismo e il consumismo, venne messo da parte per portare avanti lotte a loro più congeniali, come quelle sui diritti4, lasciando il vero peccato del tempo a inebriare i loro corpi fino ad addormentarli e a farlo giungere pian piano sino ai nostri tempi.

Questa nostra società consumistica ubriacata da quello che Pasolini chiamò l’”ideologia edonistica”, sarebbe stata più efficace del fascismo, anche per i nuovi mezzi di comunicazione, come la televisione, con i quali riuscirebbe meglio a propagare il proprio messaggio unidirezionale. Infatti, afferma il poeta: “Nessun centralismo fascista è riuscito a fare ciò che ha fatto il centralismo della civiltà dei consumi”5.

Questa critica alla borghesia e al consumo di massa fu predittiva, poiché se la svolta sessantottina ebbe alcuni traguardi importanti sui diritti civili, non placò quella sete che tuttora contamina anche la nostra epoca.

Abbiamo visto come tale strada porti a un individualismo che corrode necessariamente la comunità nei suoi fondamentali valori, poiché la sete egoistica della persona singola minaccia il gruppo. La collettività, quindi, dovrebbe essere vista non come una forma repressiva che impone regole a discapito dell’individuo come singolo, ma come un’esperienza comune rivolta al bene collettivo. Da soli, come individui, non riusciremmo a sopravvivere, perché abbiamo bisogno dell’Altro, poiché egli ci completa.

1 Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti Libri s.p.a., Milano 2008, p. 50.

https://www.oxfamitalia.org/economiaumana/

3 Karl Marx, Manoscritti economico-filosofici del 1844, prefazione e traduzione di Norberto Bobbio, Giulio Einaudi editore s.p.a., Torino 2004, p. 15.

http://temi.repubblica.it/espresso-il68/1968/06/16/il-pci-ai-giovani/?printpage=undefined

5 Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, Garzanti Libri s.p.a., Milano 2008, p. 22.

Marx e le conseguenze del capitalismo

 

 

Dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i fior”

Fabrizio De André

 

Il sistema capitalistico occidentale ha promesso la fine delle disuguaglianze e di provvedere a tutti noi, ma invece di aiutarci, ha inasprito le caratteristiche negative, poiché sebbene noi siamo in una ripresa economica oppure in una crisi, esso non riesce a elargire quel benessere garantito a tutte le persone (vedi post Il fallimento del liberismo).

Questa aporia viene messa in luce da Marx, nel suo libro Manoscritti economico-filosofici del 1844, in cui afferma che: “La domanda di uomini regola necessariamente la produzione degli uomini, come di ogni altra merce. Se l’offerta è assai più grande della domanda, una parte degli operai è ridotta all’accattonaggio o muore di fame. L’esistenza dell’operaio è quindi ridotta alla condizione di esistenza di ogni altra merce. L’operaio è diventato una merce ed è una fortuna per lui trovare un acquirente. E la domanda, da cui dipende la vita dell’operaio, dipende dal capriccio dei ricchi e dei capitalisti”.1

Perciò per molti individui che aspireranno al potere e al denaro, la situazione da operaio sfruttato sembrerà un buon compromesso, per poi scalare la vetta più alta di questa piramide, e arrivare quindi a diventare un vero capitalista. Ma tutto ciò, però, costerà all’operaio un sacrificio molto importante o come afferma Marx: “L’aumento del salario eccita nell’operaio il desiderio di arricchirsi, che è proprio del capitalista, ma che egli può soddisfare soltanto col sacrificio del proprio spirito e del proprio corpo”.2

Ma in questa sfida, per Marx, chi perde è sempre il salariato, poiché il perno del sistema liberista è la propria disequazione sociale. Esso vive di queste disuguaglianze, o come scrisse John Ruskin: “Il potere di una ghinea che abbiate in tasca dipende esclusivamente dalla mancanza di una ghinea nella tasca del vostro vicino. Se egli non ne avesse bisogno, essa sarebbe inutile anche a voi”.3

Finché viviamo in un sistema concorrenziale, qualcuno dovrà pur perdere, per far andare avanti chi vince. Per questo abbiamo creato un sistema che ha necessariamente bisogno di un welfare state, per correggere la contraddizione liberista ovvero tutte quelle povere persone che si porta dietro una cinica concorrenza.

A mio avviso dovremmo uscire da logiche concorrenziali, che questa nostra società ha introiettato in ognuno di noi (ma che ci stanno mettendo in ginocchio), e ritornare a logiche comunitarie, in cui l’elemento sociale è più importante dell’elemento individuale. A cosa serve istituire una società di individui che concorrono fra loro, quando già noi stessi abbiamo tutto ciò che serve per vivere in armonia con gli altri?

Questa collettività poi deve prendere come esempio la Natura, come affermò lo stesso Platone: “Anche, tu, misero, sei una di queste e la parte che tu rappresenti sempre mira e tende al tutto, anche se infinitamente piccola, e su ciò a te sfugge che ogni nascer di vita avviene per questo, e cioè affinché nella vita del tutto sia presente un essere della felicità, e non per te viene ad essere quella generazione, ma tu per il tutto”.4

Dobbiamo quindi cercare più comunità e meno individuo.

Forse una citazione di un popolo volto alla comunità, come gli Indiani d’America, può portare tutti noi ad un alto grado di saggezza.

È un discorso di Cervo Zoppo, in cui afferma che: “Prima che arrivassero i nostri fratelli bianchi per fare di noi degli uomini civilizzati, non avevamo alcun tipo di prigione. Per questo motivo non avevamo nemmeno un delinquente. Senza una prigione non può esservi alcun delinquente. Non avevamo né serrature, né chiavi e perciò, presso di noi non c’erano ladri. Quando qualcuno era così povero, da non possedere cavallo, tenda o coperta, allora egli riceveva tutto questo in dono”.5

1Karl Marx, Manoscritti economico-filosofici del 1844, a cura di Norberto Bobbio, Giulio Einaudi editore s.p.a., Torino 2004, p. 12.

2Karl Marx, Manoscritti economico-filosofici del 1844, a cura di Norberto Bobbio, Giulio Einaudi editore s.p.a., Torino 2004, p. 15.

3John Ruskin, Fino all’ultimo. Quattro saggi di socialismo cristiano, Marco Valerio Editore, Torino 2010, p. 42.

4Platone, Leggi, in I classici del pensiero, traduzione di Attilio Zadro, Arnoldo Mondadori Editore S.p.A., Milano 2009, p. 342.

5K. Recheis e G. Bydlinski, Sai che gli alberi parlano? La Saggezza degli Indiani d’America, Edizioni Il Punto d’Incontro, Vicenza 1997, p. 122.