Sui no vax

Il filosofo Umberto Galimberti, in un’intervista, ha definito i no vax delle persone che hanno un pensiero irrazionale, per cui qualsiasi argomentazione venga a loro posta non serva poiché non sono aperti al dialogo. E quanto ha ragione.

Il pensiero scientifico è un pensiero razionale che si basa sulle evidenze e se si comincia a mettere in discussione ciò siamo messi proprio male, poiché potremmo cominciare ad arretrare in quegli abissi in cui tutto è possibile. Nell’antichità, quando i misteri della natura non erano scoperti, andavano a creare la mitologia. Ora, per fortuna, siamo usciti da quel periodo oscuro e abbiamo illuminato quella strada.

Qualcuno purtroppo non ha ancora svolto quel passaggio rivoluzionario e pensa che ogni avvenimento che non riesca a spiegare si possa addebitare a qualche complotto. Queste persone no vax non credono all’evidenza scientifica, ma si fanno abbindolare da sparuti gruppi di personaggi su internet che asseriscono loro la presunta verità.

Per fortuna queste persone sono poche rispetto alla stragrande maggioranza che si sono vaccinate, poiché se è naturale averne paura, non penso sia ragionevole fare tutto questo baccano. Infatti, il senso della collettività va messo prima del singolo, e se il vaccino serve a liberarci da questi ultimi mesi, ben venga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *