Le varie tradizioni del cibo

In queste giornate di feste mi viene in mente una puntata di “Terza Pagina”, un bellissimo programma che è andato in onda su Rai 5, in cui si trattavano argomenti come cibo e tradizioni.1

Alla domanda se esiste veramente un cibo originale italiano della tradizione, lo storico dell’alimentazione Massimo Montanari, citandone un altro altrettanto importante come Marc Bloch, afferma che: “Metteva in guardia da quello che lui chiamava “l’idolo delle origini”, secondo cui nelle origini ci sarebbe la spiegazione delle cosa. Ma attenzione perché le origini sono solo l’inizio e non spiegano nulla. Chi spiega le cose sono gli incontri che si fanno durante il percorso”.

“Seguendo questo concetto di Bloch” continua lo storico Montanari: “Ho scritto la storia degli spaghetti al pomodoro, piatto che oggi identifichiamo come simbolo della cucina italiana, che non sarebbe stato tale senza i Persiani che hanno inventato la pasta lunga; senza gli Arabi che hanno portato in Sicilia la cultura della pasta secca; senza il popolo napoletano che nel ‘600 lo scelgono come loro piatto base; senza gli indigeni d’America che coltivano quel pomodoro che arriverà in Europa; senza la cucina spagnola che ha diffuso la salsa di pomodoro. Finché dopo tanti incontri non arriva a diventare uno dei piatti tipici della cucina italiana”.

Questa identità degli spaghetti però, come si evince dalla storia, non ha mai una origine solitaria, ma nasce da un incontro con altri popoli e altre culture. Per questo quando pensiamo che certi piatti siano nati in certi luoghi, sono stati invece contaminati da altre persone o popoli che neanche immaginiamo. È più un connubio fra le varie culture, che una sola che abbia generato qualcosa.

Per questo il rispetto per le altre culture è fondamentale non solamente nel cibo ma anche in altri fattori, poiché come ha spigato lo storico Massimo Montanari la nostra identità è fatta di incontri con l’Altro.

1 https://www.raiplay.it/video/2020/12/Terza-pagina-cfce249c-5dd9-4266-ba41-ada215cf5185.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *