I “Lager” moderni

Mentre l’ex-Ministro dell’Interno Marco Minniti e l’attuale Matteo Salvini fanno a gara per prendersi il merito di aver fatto diminuire gli sbarchi nel nostro paese, nessuno di loro si chiede che fine abbiano fatto tutte quelle persone che non arrivano più in Italia. Gli accordi con la Libia, infatti, siglati dall’ex-Ministro Minniti hanno contribuito a diminuire il flusso della migrazione, ma a quale prezzo? Dove sono finite tutte queste persone?

Ci può aiutare il report pubblicato il 20 dicembre 2018 dall’ONU intitolato Desperate and Dangerous – Report on the human rights situation of migrants and refugees in Libya, un racconto sulla condizione dei diritti umani dei migranti e dei rifugiati in Libia, il quale mette in luce quest’aspetto: ovvero gli effetti collaterali che hanno purtroppo prodotto questo compromesso fra gli Stati.

La relazione afferma che: “Durante il loro transito e soggiorno in Libia i migranti e i rifugiati subiscono inimmaginabili orrori. Dal momento in cui mettono piede sul suolo libico, diventano vulnerabili a uccisioni illegali, torture e altri maltrattamenti, detenzione arbitraria e privazione illegale della libertà, stupri e altre forme di violenza sessuale e di genere. Schiavitù e lavoro forzato, estorsione e sfruttamento da parte di attori sia dello Stato che non statali”.

Questo report si basa su 1300 resoconti raccolti di prima mano dai funzionari dei diritti umani dell’UNSMIL (Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia), in 11 centri di detenzione per immigrati in Libia, in cui sostano prima della loro partenza in Europa, in cerca della libertà.

L’UNSMIL ha anche documentato la tortura e altri maltrattamenti, il lavoro forzato, lo stupro e altre forme di violenza sessuale commesse dalle guardie nei DCIM, impunemente, mentre molti di coloro che sono reclusi in questi centri sono sopravvissuti a orrendi abusi da parte di contrabbandieri e trafficanti e avrebbero bisogno di assistenza medica e psicologica. Nonostante le prove schiaccianti di violazioni dei diritti umani le autorità libiche sono state finora incapaci o riluttanti a porre fine a tutto ciò.

L’OHCHR (Alto commissariato delle Nazioni Unite) e l’UNSMIL raccomandano all’Unione europea e agli Stati membri che intensifichino le loro operazioni di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo e facilitino il lavoro di soccorso da parte di queste navi gestite da organizzazioni umanitarie. Infatti, sono queste imbarcazioni ONG, tanto odiate da alcuni politici che le vedrebbero come la causa di quella situazione d’emergenza, ma che invece sarebbero proprio la soluzione migliore e più appropriata per gestire una situazione d’urgenza come quella.

Perciò le ONG sono l’ultimo baluardo d’umanità che rimane a emblema di questa Europa martoriata oramai da migliaia e migliaia di morti in mare, senza nessuna risposta da parte della politica che invece dovrebbe interessarsi in prima istanza a queste problematiche. Poiché se tu politico non sei il primo a creare le basi per la migrazione legale, l’illegalità prenderà il sopravvento. Servirebbero quindi più regole d’inclusione verso l’Altro, anziché abbandonarlo alla misera e alla violenza. Dobbiamo riscoprire quell’umanità che abbiamo in ognuno di noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *