I conflitti dell’animo umano

 

L’attacco terroristico di Christchurch, avvenuto in Nuova Zelanda il 15 marzo scorso, che ha coinvolto una moschea e un centro islamico e in cui hanno perso la vita 50 persone e ne hanno ferite altrettante, mostra come un esempio sbagliato possa essere lo spunto per compiere azioni infamanti. Infatti, Brenton Tarrant, il terrorista che ha compiuto la strage, portava incise sulle proprie armi di battaglia i nomi degli individui che lo hanno ispirato. Uno fra questi è Luca Traini, il responsabile di un attentato a Macerata nel quale sono rimaste ferite sei perone tutte immigrate.

Fra gli altri nomi trovati sull’arma di Brenton Tarrant si trovava pure quello di Anders Breivik, fautore dell’attentato avvenuto il 22 luglio 2011 in Norvegia, che è costato la vita a 77 persone innocenti.

È lo stesso emulatore Tarrant a ergersi orgogliosamente come paladino dei neonazisti di tutto il mondo, contro tutte quelle persone che professano la fede islamica, poiché tale religione, a suo avviso, sarebbe la causa dei vari attentati terroristici di matrice radicale.

Nello stesso giorno delle stragi in Nuova Zelanda, circa un milione di persone in tutto il mondo, soprattutto giovani, si sono trovate nelle piazze per il Global Strike For Future, per protestare contro il cambiamento climatico, dopo l’iniziativa lanciata dalla sedicenne svedese Greta Thunberg, la quale ha manifestato ogni venerdì  negli ultimi mesi davanti al Parlamento del suo Paese, fino a portare l’attenzione ai vertici più in alto, giungendo a parlare all’assemblea delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, tenutosi in Polonia il 4 dicembre del 2018.

L’esempio di questa giovane ragazza ha portato milioni di persone in piazza a manifestare per una cosa bellissima come la protezione del clima e della Natura, e quindi di tutti noi. Non è un caso che nella stessa giornata un pazzo in Nuova Zelanda provocasse la morte, mentre dall’altra milioni di individui proteggessero la vita. Poiché questa è la contraddittorietà dell’animo umano, perché la vita è la potenza volta al bene per cui vale la pena battersi. E una moltitudine di persone spinte da esempi positivi, vincono sulla minoranza negativa che nega l’Altro e tutto ciò che deriva dalla sua dis-integrazione.

Questa dicotomia esprime molto bene i conflitti del nostro tempo, ma mentre i terroristi rimangono casi isolati e sono l’esempio negativo da non emulare, la massa di individui che hanno protestato contro i cambiamenti climatici, proteggendo la Natura, ci mostra l’esempio più bello che tutti noi potremmo diventare, in quanto esseri umani, quando siamo uniti e in sintonia con l’Altro. Per questo servono degli “esempi positivi” che neutralizzino il sorgere di istinti negativi. Poiché è possibile portare le persone a imitare le cose belle e buone della nostra vita.

Dentro di noi può vivere il bene o il male, e a seconda di quello che vogliamo seguire, la nostra vita e quella degli altri sarà condizionata in meglio o in peggio. E la considerazione dell’Altro nelle nostre relazioni è necessaria per una visione completa e olistica dell’insieme Natura, poiché un confronto senza di esso non è pensabile e creerebbe solamente quegli scontri e squilibri che portano a una discordia fra gli elementi naturali e alla negatività. Mentre noi dobbiamo essere generatori di Bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *