L’affossamento del DDL Zan

Il DDL Zan, legge contro l’omotransfobia, è stata affossata dal Parlamento italiano. In questa maniera siamo rimasti uno dei pochissimi Paesi europei1 che non puniscono l’istigazione all’odio. Questo ci fa capire il grande scollamento che esiste fra il politici italiani e i propri cittadini.

Se noi guardassimo i sondaggi richiesti agli italiani sul DDL Zan, il 62%, intervistati da Demos, approverebbe la legge, mentre solo il 24% risponderebbe in segno di rifiuto: “Sotto i trent’anni il consenso supera il 75%”.2

Questo divario fra politici italiani e cittadini si allontanerebbe ancora di più se si guardasse meglio anche in altri temi molto importanti, per esempio, nel contrarre matrimonio dello stesso sesso in cui è: “Accettata dal 59,5% […] una percentuale decisamente superiore a quella (40,8%) registrata nel 2015”.3 Numeri che salgono se la relazioniamo alla fascia più giovane: “A dire sì ai matrimoni gay sono il 77,1% dei 18-24enni (+17% rispetto ad un anno prima), il 70,1% dei 25-34enni, il 66,2% dei 35-44enni, il 55,7% dei 45-64enni e il 45,3% degli over 64”.

Per una legge sull’eutanasia, ben il 75,2% degli italiani è a favore di una: “Buona morte consistente nella somministrazione diretta di un farmaco letale al paziente […] attestando un forte incremento del consenso negli ultimi cinque anni (i favorevoli erano il 55,2% nel 2015)”.4

Un sondaggio eseguito da Demos ammetterebbe come gli italiani siano più accoglienti di quello che sostengono alcuni politici, poiché gli immigrati non fanno più paura come un tempo. Infatti, il 52% degli intervistati sono a favore dei profughi e degli immigrati poiché non pensano che siano un problema. Li vedono come tali solamente il 27%, dato dimezzato dal 2017 quando era al 46%.5

Questi dati ci fanno comprendere come gli italiani siano molto più avanti dei loro politici e soprattutto le generazioni giovani che sarebbero ancora più avanti dei loro padri. Come con la situazione climatica, essi comprendono più delle generazioni vecchie il cambiamento della società in cui vivono. Per questo dovrebbero avere accesso ai palazzi della politica, poiché potrebbero realmente cambiare le sorti del nostro Paese, con norme urgenti troppe volte dimenticate, ma di estrema importanza per tutti noi.

1 https://www.corriere.it/politica/21_maggio_14/ddl-zan-l-omotransfobia-ecco-come-funziona-all-estero-b952b6f0-b4be-11eb-a3a5-b3729d611502.shtml

2 http://www.demos.it/a01875.php

3 https://www.repubblica.it/cronaca/2020/07/17/news/eurispes_il_59_5_italiani_dice_si_a_matrimoni_gay-262223241/

4 https://www.repubblica.it/cronaca/2020/07/17/news/eurispes_il_59_5_italiani_dice_si_a_matrimoni_gay-262223241/

5 https://www.repubblica.it/politica/2021/09/27/news/italiani_accoglienti_immgrati_covid-319594794/