La rivalsa dei giovani

I giovani in Italia molte volte vengono tacciati di essere una generazione sbandata che non ha valori e non è all’altezza di quelle precedenti. Penso che i giovani, come ognuno di noi quando lo è stato, se stimolati reagiscano positivamente e prendano posizioni importanti. Lo conferma il sito ideato da Enrico Mentana ma gestito e scritto da giovani che si chiama Open, nel quale si afferma che hanno dato prova di loro, facendo un boom inatteso di prenotazioni per i vaccini in tutta Italia.1

Ma non sarebbe solamente questo punto a loro favore, poiché la gioventù sarebbe molto più sensibile persino ai temi ambientali, molto più dei propri genitori, infatti, c’è un’indagine: “Condotta dall’Osservatorio giovani dell’Istituto Giuseppe Toniolo, con il sostegno di Fondazione Cariplo e di Intesa Sanpaolo, su un campione di 2000 giovani nati tra il 1982 al 1997 […] L’81,8% si dice disposto a cambiare le proprie abitudini per ridurre l’impatto dei cambiamenti climatici sul pianeta, mentre l’82% dichiara di essere disponibile a ridurre al minimo gli sprechi (dall’acqua alla luce, dalla plastica al cibo)“.2 E l’esempio di Greta Thunberg è sotto i nostri occhi.

Io penso che i giovani siano di fatto molto più avanti rispetto alle generazioni che li precedono. Ed è normale, poiché le nuove generazioni hanno accesso alle scuole e a tutti gli stimoli culturali che quelle precedenti si sarebbero sognate. Per questo se noi credessimo nei giovani potremmo avere delle sorprese su quanto siano più svegli di noi che oramai siamo le più avanzate. Quindi viva i giovani!

1 https://www.open.online/2021/06/04/covid-19-vaccini-giovani-boom-di-adesioni/

2 https://www.lastampa.it/economia/lavoro/2019/01/08/news/giovani-e-ambiente-8-su-10-contro-gli-sprechi-e-pronti-a-cambiare-abitudini-1.33669566